WP_Query Object ( [query] => Array ( ) [query_vars] => Array ( [error] => [m] => [p] => 0 [post_parent] => [subpost] => [subpost_id] => [attachment] => [attachment_id] => 0 [name] => [pagename] => [page_id] => 0 [second] => [minute] => [hour] => [day] => 0 [monthnum] => 0 [year] => 0 [w] => 0 [category_name] => [tag] => [cat] => [tag_id] => [author] => [author_name] => [feed] => [tb] => [paged] => 0 [meta_key] => [meta_value] => [preview] => [s] => [sentence] => [title] => [fields] => [menu_order] => [embed] => [category__in] => Array ( ) [category__not_in] => Array ( ) [category__and] => Array ( ) [post__in] => Array ( ) [post__not_in] => Array ( ) [post_name__in] => Array ( ) [tag__in] => Array ( ) [tag__not_in] => Array ( ) [tag__and] => Array ( ) [tag_slug__in] => Array ( ) [tag_slug__and] => Array ( ) [post_parent__in] => Array ( ) [post_parent__not_in] => Array ( ) [author__in] => Array ( ) [author__not_in] => Array ( ) [meta_query] => Array ( ) [ignore_sticky_posts] => [suppress_filters] => [cache_results] => 1 [update_post_term_cache] => 1 [lazy_load_term_meta] => 1 [update_post_meta_cache] => 1 [post_type] => [posts_per_page] => 10 [nopaging] => [comments_per_page] => 50 [no_found_rows] => [order] => DESC ) [tax_query] => WP_Tax_Query Object ( [queries] => Array ( ) [relation] => AND [table_aliases:protected] => Array ( ) [queried_terms] => Array ( ) [primary_table] => wp_posts [primary_id_column] => ID ) [meta_query] => WP_Meta_Query Object ( [queries] => Array ( ) [relation] => [meta_table] => [meta_id_column] => [primary_table] => [primary_id_column] => [table_aliases:protected] => Array ( ) [clauses:protected] => Array ( ) [has_or_relation:protected] => ) [date_query] => [queried_object] => [queried_object_id] => [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS wp_posts.ID FROM wp_posts JOIN wp_icl_translations wpml_translations ON wp_posts.ID = wpml_translations.element_id AND wpml_translations.element_type = CONCAT('post_', wp_posts.post_type) WHERE 1=1 AND ((wp_posts.post_type = 'post' AND (wp_posts.post_status = 'publish'))) AND ( ( ( wpml_translations.language_code = 'en' OR ( wpml_translations.language_code = 'it' AND wp_posts.post_type IN ( 'page' ) AND ( ( ( SELECT COUNT(element_id) FROM wp_icl_translations WHERE trid = wpml_translations.trid AND language_code = 'en' ) = 0 ) OR ( ( SELECT COUNT(element_id) FROM wp_icl_translations t2 JOIN wp_posts p ON p.id = t2.element_id WHERE t2.trid = wpml_translations.trid AND t2.language_code = 'en' AND ( p.post_status = 'publish' OR p.post_type='attachment' AND p.post_status = 'inherit' ) ) = 0 ) ) ) ) AND wp_posts.post_type IN ('post','page','attachment','wp_block','wp_template','wp_template_part','wp_navigation','mc4wp-form','projects','events','sounds' ) ) OR wp_posts.post_type NOT IN ('post','page','attachment','wp_block','wp_template','wp_template_part','wp_navigation','mc4wp-form','projects','events','sounds' ) ) ORDER BY wp_posts.post_date DESC LIMIT 0, 10 [posts] => Array ( [0] => WP_Post Object ( [ID] => 19851 [post_author] => 2 [post_date] => 2022-06-14 12:49:08 [post_date_gmt] => 2022-06-14 10:49:08 [post_content] =>

IL GIARDINO LIBERNAUTICO - 14.06.2022

Fondazione Baruchello | Mostra curata da Elena Bellantoni

La mostra “Il giardino libernautico” Summer Show 2022 (sesta edizione), curata da Elena Bellantoni, in collaborazione con i due giovani curatori Benedetta Monti e Niccolò Giacomazzi, è un progetto collettivo che si svilupperà intorno a questioni che è sempre più urgente considerare: il rapporto con la natura, il paesaggio e la cura come azione responsabile nei confronti dell’ecosistema. Il progetto parte dal confronto diretto con la Fondazione Baruchello, e in particolare con il progetto Agricola Cornelia S.p.A. che impegnò Baruchello dal 1973 al 1981. In particolare guarda al libro di Baruchello Io sono un Albero, nel quale si racconta la lunga esperienza dell’artista nei confronti della natura da sempre intesa come una situazione complessa in grado di mettere in discussione comportamenti, costruzioni identitarie e rapporti di subordinazione tra diverse specie del vivente.
  https://culture.roma.it/manifestazione/summer-show-2022-il-giardino-libernautico/   [post_title] => IL GIARDINO LIBERNAUTICO - 14.06.2022 Fondazione Baruchello | Mostra curata da Elena Bellantoni [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => il-giardino-libernautico-14-06-2022-fondazione-baruchello-mostra-curata-da-elena-bellantoni [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2022-06-14 12:50:11 [post_modified_gmt] => 2022-06-14 10:50:11 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.radioartemobile.it/il-giardino-libernautico-14-06-2022-fondazione-baruchello-mostra-curata-da-elena-bellantoni/ [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [old_id] => 0 [post_it] => 0 ) [1] => WP_Post Object ( [ID] => 19681 [post_author] => 2 [post_date] => 2022-05-12 16:05:07 [post_date_gmt] => 2022-05-12 14:05:07 [post_content] =>

20 MAGGIO - OPENING Settantaduenomi (Italian Garden) di Marco Bagnoli, Montelupo Fiorentino

Settantadue Nomi (Italian Garden) di Marco Bagnoli Venerdì 20 maggio 2022 al tramonto, nel parco che circonda la Villa Medicea dell'Ambrogiana di Montelupo Fiorentino, si inaugura “Settantadue nomi - Italian Garden”, opera site-specific dell’artista Marco Bagnoli con cui il Museo della Ceramica di Montelupo, con un progetto della Fondazione Museo Montelupo Onlus, ha vinto l’edizione 2020 di Italian Council, il bando internazionale promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura per sostenere, promuovere e valorizzare l’arte contemporanea italiana nel nostro paese e nel mondo.

Venerdì 20 maggio 2022 h. 21.00 Parco della Villa Medicea dell’Ambrogiana Via di Santa Lucia all’Ambrogiana,33 (Museo Archeologico) Montelupo Fiorentino Programma: Saluto delle Autorità e presentazione opera dopo il tramonto - Proiezione video e performance [post_title] => 20 MAGGIO - OPENING Settantaduenomi (Italian Garden) di Marco Bagnoli, Montelupo Fiorentino [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => 20-maggio-opening-settantaduenomi-italian-garden-di-marco-bagnoli-montelupo-fiorentino [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2022-05-12 16:05:43 [post_modified_gmt] => 2022-05-12 14:05:43 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.radioartemobile.it/20-maggio-opening-settantaduenomi-italian-garden-di-marco-bagnoli-montelupo-fiorentino/ [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [old_id] => 0 [post_it] => 0 ) [2] => WP_Post Object ( [ID] => 19316 [post_author] => 2 [post_date] => 2022-05-02 12:37:01 [post_date_gmt] => 2022-05-02 10:37:01 [post_content] =>

SOUND CORNER / 60 - CRISTIAN RIZZUTI da DOM 1 MAG a MAR 31 MAG | SOUND CORNER

Auditorium Parco della Musica

Cristian Rizzuti is a multimedia artist, lecturer and Physical Computing Expert at IAAC (Institute for Advanced Architecture of Catalonia). After graduating in Visual and Multimedia Arts, he completed his studies at the IUAV University of Venice with the M-IA Master, specializing in the creation of immersive and interactive environments. His artistic research focuses on the role of human perception and the relationship with synaesthetic spaces, drawing inspiration simultaneously from science, mathematics and the digital arts.

Cristian Rizzuti è un artista multimediale, docente e Physical Computing Expert presso lo IAAC (Institute for Advanced Architecture of Catalonia). Laureato in Arti Visive e Multimediali, completa i suoi studi presso l'Università IUAV di Venezia con il M-IA Master specializzandosi nella creazione di ambienti immersivi e interattivi. La sua ricerca artistica si è focalizzata sul ruolo della percezione umana e sulla relazione con gli spazi sinestetici, ispirandosi contemporaneamente alla scienza, alla matematica e alle arti digitali. Cristian Rizzuti is a multimedia artist, lecturer and Physical Computing Expert at IAAC (Institute for Advanced Architecture of Catalonia). After graduating in Visual and Multimedia Arts, he completed his studies at the IUAV University of Venice with the M-IA Master, specializing in the creation of immersive and interactive environments. His artistic research focuses on the role of human perception and the relationship with synaesthetic spaces, drawing inspiration simultaneously from science, mathematics and the digital arts. Elena Giulia Rossi è nata e vive a Roma. I suoi interessi l’hanno condotta in ambiti trasversali e transdisciplinari, al crocevia tra biologia, tecnologia e scienza. In questi percorsi si sono intrecciate le sue esperienze lavorative, tra pratica e teoria, con musei, gallerie, riviste e quotidiani, con la piattaforma online Arshake (www.arshake.com) e con l’attività didattica presso l’Accademia di Belle Arti di Roma dove è docente di Teorie delle Arti Multimediali. Elena Giulia Rossi was born and lives in Rome. Her interests have led her into transversal and transdisciplinary areas, at the crossroads of biology, technology and science. These paths have been intertwined with her working experiences, comprising both practice and theory, with museums, galleries, magazines and newspapers, with the online platform Arshake (www.arshake.com) and with her teaching activities at the Accademia di Belle Arti in Rome, where she teaches Multimedia Arts Theory. Maggio 2022 Elena Giulia Rossi presenta Cristian Rizzuti La Linea Gustav, 2011 12’ DA DOM 1 MAG A MAR 31 MAG | SOUND CORNER INGRESSO LIBERO L'installazione sarà attiva tutti i giorni prima dei concerti [post_title] => SOUND CORNER / 60 - CRISTIAN RIZZUTI da DOM 3 MAG a MAR 31 MAG | SOUND CORNER [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => sound_corner_60_3_amg_31_mag [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2022-05-03 15:50:55 [post_modified_gmt] => 2022-05-03 13:50:55 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.radioartemobile.it/a-stick-in-the-forest-inaugurazione-26-marzo-2022-labinac-napoli/ [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [old_id] => 0 [post_it] => 0 ) [3] => WP_Post Object ( [ID] => 19325 [post_author] => 2 [post_date] => 2022-03-24 12:51:08 [post_date_gmt] => 2022-03-24 11:51:08 [post_content] =>

RESIST! PERSIST! MAINTAIN!

STIRNIMANN-STOJANOVIC AND MFJ RULLA

Collective listening (audio piece), duration: 30 min.

6TH MAY 2022, 6 PM WASSERTURM, ZURICH

Meeting point: Badweg 10, CH-8001 Zurich

curated by Zaira Oram

For the new program SOUND TURM, the collective Zaira Oram wakes up the historical and silent Wasserturm (water tower) located in the city center of Zurich. The first event takes place on 6th May 2022 at 6 pm with the collective listening and audio piece Resist! Persist! Maintain! conceived by the Zurich-based artist duo Stirnimann-Stojanovic and composer mfj rulla.

As the physical stage of the nomadic OTO SOUND MUSEUM, the Wasserturm is imagined as a home for sound art, where sonority and voices spread from the inside out addressing the public space directly. Often invisible to most people, the Wasserturm is a symbolic place that resists the waves of modernization, hiding in the urban fabric of the city. It is from the history of this profane place that Stirnimann-Stojanovic and mfj rulla have found inspiration to develop their collaborative work. Indeed, the Wasserturm was born out of the need for water distribution, which saw some citizens sharing a common mission and becoming active participants in the construction of the tower in the early 18th century. This social story led the artists to investigate the literature that relates to actions of self-organization and redistribution of resources in the present time, also one of the central subjects of their own artistic research. They are practices of resistance that belong to a radical imagination capable of activating processes of awareness, survival and procreation in relation to our behavior with the environment, human and non-human beings. What are possible ways to (re)claim the public space? What are possible ways to care for resources in a non-exploitative manner? What are possible ways to maintain collective structures in a rootless capitalist world? The audio piece Resist! Persist! Maintain! (2022) is a collage of existing texts with the intertwining of voice and sound – a fuse that wants to light up and urge action. Composed by mfj rulla, the soundscape accompanies the contents contributing to the transmission of the words’ meaning, and creating a space for the imagination to travel. The audio work will be presented on 6th May in the form of a collective listening that starts from the Wasserturm and moves to the Old Botanical Garden via wireless headphones. The Wasserturm becomes the symbol of collective values interpreted by sound, while the Old Botanical garden turns into a natural space for reflection.

Sound returns to be the center of a program that also looks at the Zurich avant-garde - leaving the canonical and institutional spaces - to question its social, political and artistic role today.

https://oto.museum/

[post_title] => ⚫ RESIST! PERSIST! MANTAIN! Stirnimann-Stojanovic and mfj rulla, 6 May 2022, Wasserturm, Zurich [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => %e2%9a%ab-program-2022-sound-turm-oto-museum [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2022-04-28 17:52:59 [post_modified_gmt] => 2022-04-28 15:52:59 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.radioartemobile.it/%e2%9a%ab-program-2022-sound-turm-oto-museum/ [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [old_id] => 0 [post_it] => 0 ) [4] => WP_Post Object ( [ID] => 19203 [post_author] => 2 [post_date] => 2022-03-10 12:45:02 [post_date_gmt] => 2022-03-10 11:45:02 [post_content] =>

MIKE COOPER live

giovedì 17 marzo, EXP - Palazzo delle Esposizioni, Roma

[post_title] => MIKE COOPER live, giovedì 17 marzo, EXP - Palazzo dellle Esposizioni, Roma [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => mike-cooper-live-giovedi-17-marzo-exp-palazzo-dellle-esposizioni-roma [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2022-03-10 12:46:06 [post_modified_gmt] => 2022-03-10 11:46:06 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.radioartemobile.it/mike-cooper-live-giovedi-17-marzo-exp-palazzo-dellle-esposizioni-roma/ [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [old_id] => 0 [post_it] => 0 ) [5] => WP_Post Object ( [ID] => 19411 [post_author] => 2 [post_date] => 2022-03-10 12:35:18 [post_date_gmt] => 2022-03-10 11:35:18 [post_content] =>

Psicoenciclopedia possibile di Gianfranco Baruchello

MAXXI L'Aquila, 5 maggio 2022 ore 18

1200 voci per 200 tavole di immagini, tra sogni e materiali di archivio Nel 2020, Gianfranco Baruchello ha concluso un imponente e complesso progetto commissionato e pubblicato dall’Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani. L’opera dal titolo Psicoenciclopedia possibile propone la decostruzione della stessa struttura enciclopedica: attraverso un sistema di relazioni e adiacenze inattese connette 1200 voci e 200 tavole di immagini. Le voci derivano da scritti editi e inediti, appunti e trascrizioni di sogni dell’artista, le immagini sono il risultato di un lungo lavoro di selezione e montaggio a partire da materiali di archivio.

Baruchello mette alla prova, questa volta, i sistemi di organizzazione del vedere e del sapere. Come in ogni suo altro lavoro, la Psicoenciclopedia scardina le concatenazioni più sicure e consolidate per avventurarsi nell’incerto, nel possibile, senza esclusione di ciò che è diverso o insignificante.

introduce Bartolomeo Pietromarchi Direttore MAXXI L’Aquila

intervengono Barbara Drudi Storica dell’arte contemporanea, Accademia di Belle Arti L’Aquila Carla Subrizi Storica dell’arte contemporanea – Sapienza Università di Roma, Presidente Fondazione Baruchello Giuseppe Di Natale Storico dell’arte contemporanea, Università degli Studi L’Aquila

In collaborazione con Fondazione Baruchello e Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani Con il sostegno di BPER Banca

 
[post_title] => Psicoenciclopedia possibile di Gianfranco Baruchello, MAXXI L'Aquila, 5 maggio 2022 ore 18 [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => alle-rose-e-alle-altre-cose-che-hanno-in-se-una-promessa-reverie-19-marzo-2022-auditorium-centro-civico-culturale-treviglio [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2022-05-02 12:19:19 [post_modified_gmt] => 2022-05-02 10:19:19 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.radioartemobile.it/alle-rose-e-alle-altre-cose-che-hanno-in-se-una-promessa-reverie-19-marzo-2022-auditorium-centro-civico-culturale-treviglio/ [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [old_id] => 0 [post_it] => 0 ) [6] => WP_Post Object ( [ID] => 19196 [post_author] => 2 [post_date] => 2022-03-09 13:54:07 [post_date_gmt] => 2022-03-09 12:54:07 [post_content] =>

OTO HUDEC AD ALBUMARTE SOLO SHOW 16 MARZO - 22 APRILE 2022

AlbumArte presenta

OTO HUDEC - WE ARE THE GARDEN Mostra personale e installazione site-specific A cura di Lýdia Pribišová INAUGURAZIONE 16 marzo 2022 dalle 18.00 alle 21.00 fino al 22 aprile 2022 dal martedì al sabato 15.00-19.00 Realizzata con il supporto dei fondi pubblici dallo Slovak Art Council e Istituto Slovacco a Roma In collaborazione con PILOT (Bratislava) AlbumArte, Via Flaminia,122, Roma WE ARE THE GARDEN é la prima mostra in Italia dell’artista slovacco Oto Hudec (Košice, SK, 1981) ed è a cura di Lýdia Pribišová, attualmente curatrice della Kunsthalle di Bratislava. Il progetto affronta il tema del cambiamento climatico, l’ecosistema e i danni dell’antopocentrismo sulla terra.

INFO & STAMPA info@albumarte.org

[post_title] => OTO HUDEC AD ALBUMARTE SOLO SHOW 16 MARZO - 22 APRILE 2022 [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => oto-hudec-ad-albumarte-solo-show-16-marzo-22-aprile-2022 [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2022-03-09 13:54:07 [post_modified_gmt] => 2022-03-09 12:54:07 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.radioartemobile.it/oto-hudec-ad-albumarte-solo-show-16-marzo-22-aprile-2022/ [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [old_id] => 0 [post_it] => 0 ) [7] => WP_Post Object ( [ID] => 19125 [post_author] => 2 [post_date] => 2022-02-15 12:32:12 [post_date_gmt] => 2022-02-15 11:32:12 [post_content] =>

JANNIS KOUNELLIS - Litografia Bulla finestra su strada

via del Vantaggio n.2, Roma

da mercoledì 16 a sabato 19 febbraio dalle 11:00 alle 19:00 sabato su appuntamento
A cinque anni dalla scomparsa di Jannis Kounellis, la Litografia Bulla ricorda l'amico e artista presentando, nella sua finestra su strada, alcuni tra i multipli realizzati all'interno della sua stamperia.
[post_title] => JANNIS KOUNELLIS - Litografia Bulla finestra su strada, Roma [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => jannis-kounellis-litografia-bulla-finestra-su-strada-roma [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2022-02-15 12:32:12 [post_modified_gmt] => 2022-02-15 11:32:12 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.radioartemobile.it/jannis-kounellis-litografia-bulla-finestra-su-strada-roma/ [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [old_id] => 0 [post_it] => 0 ) [8] => WP_Post Object ( [ID] => 19110 [post_author] => 2 [post_date] => 2022-02-11 11:34:04 [post_date_gmt] => 2022-02-11 10:34:04 [post_content] =>

Jimmie Durham - texts and recordings

Galerie Barbara Wien | 12.02.-02.04.2022

until 02.04. | #3315ARTatBerlin | Galerie Barbara Wien shows from 12th February 2022 the exhibition project Jimmie Durham. texts and recordings as a solo show.

read more on the website: https://www.barbarawien.de/index.php

[post_title] => Jimmie Durham | texts and recordings | Galerie Barbara Wien | 12.02.-02.04.2022 [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => jimmie-durham-texts-and-recordings-galerie-barbara-wien-12-02-02-04-2022 [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2022-02-11 11:34:44 [post_modified_gmt] => 2022-02-11 10:34:44 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.radioartemobile.it/jimmie-durham-texts-and-recordings-galerie-barbara-wien-12-02-02-04-2022/ [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [old_id] => 0 [post_it] => 0 ) [9] => WP_Post Object ( [ID] => 19103 [post_author] => 2 [post_date] => 2022-02-09 16:32:17 [post_date_gmt] => 2022-02-09 15:32:17 [post_content] =>

MARCO BAGNOLI. Nel Paesaggio di Xvarnah | Galleria Christian Stein, Milano | Inaugurazione 10 febbraio, 2022

La Galleria Christian Stein è lieta di presentare Nel Paesaggio di Xvarnah, mostra personale di Marco Bagnoli che si terrà dal 10 febbraio 2022 nella sede di Corso Monforte 23, Milano. L’installazione ambientale, realizzata per l’occasione dall’artista, è composta da tre opere: Nel Paesaggio di Xvarnah, 2019; Il Giardino degli Specchi, 2020; Dove Porta, 2021. L’opera che dà il titolo alla mostra, Nel Paesaggio di Xvarnah, è costituita da una serie di 7 disegni inscindibili, tratti da miniature persiane custodite nel Manoscritto Nezami presso il Museo d’arte turca e islamica di Istanbul (Türk ve Islam Eserleri Müzesi) che l’artista ha ritrovato dopo lunga ricerca. Queste immagini offrono la descrizione della Xvarnah mazdea, la luce che pervade la terra mitica dell’origine. La Xvarnah è il mondo reale senza tempo in cui accade la storia vera e da cui emanano i mondi sensibili. È l’ottavo mondo che precede e sovrasta gli altri sette: i keshvar. L’indagine di Bagnoli e il suo volgere lo sguardo a territori altri - soprattutto posti a Oriente e al mondo indo/iranico - è nota caratteristica della sua opera e si collega a una tradizione in cui arte, filosofia e scienza sono unite. “Quella che per il mistico è visione, per Bagnoli è materia d’espressione” scrive Fulvio Salvadori. La mostra racconta infatti la capacità di Bagnoli di straniare lo sguardo, di scavare nell’immaginario nel suo muoversi in territori metafisici e si svolge su quella linea che unisce il visibile e il non visibile. Proprio per onorare questo Paesaggio del sottile - vivo solo per chi sa vedere - in mostra anche Il Giardino degli Specchi. Quest’opera sorge nell’immaginario dell’artista nel 2010 grazie a un viaggio in Iran e nella sua prima concezione è per il Giardino del Padiglione Italiano di Auroville (India). Là piante circondavano una fontana posta nel centro, mentre nel Giardino per Isfahan (Iran) saranno vasi sonori a sostituire le piante. Nella realizzazione per Galleria Stein parabole specchianti e bande rosse diventano elementi costituenti del Giardino, in un lento avvicinarsi a una dimensione illuminante. L’opera si relaziona quindi allo spazio circostante basandosi “non più su un sistema metrico e oggettuale, ma sul secondo-luce, entità di misurazione veramente contemporanea”. (Celant G., Marco Bagnoli, Skira, Milano 2018) Pur cambiando nell’aspetto e nella forma la composizione del Giardino sempre fonda su uno schema a quinconce, ovvero su gruppi di cinque unità, in cui quattro son costituite dai vertici di un quadrato e la quinta dal suo centro: una disposizione spesso utilizzata da Bagnoli come metafora dell’armonia assoluta. (vedi Calasso R., I geroglifici di Sir Thomas Browne, Adelphi, Milano 2018) Dove Porta segna in mostra un punto di passaggio: ineluttabile luogo di confine, di ingresso e di uscita in base al verso in cui ci si pone. L’opera fa eco a quella realizzata dall’artista per Documenta a Kassel nel 1992 e ora parte della Collezione del Castello di Rivoli Museo d'Arte Contemporanea.

La Porta è composta da un prezioso mosaico in alabastro. Al centro della superficie vi è posta una parabola ellittica, attraversata lateralmente da una banda rossa. Il motivo geometrico suggerito dagli intarsi rimanda all’Aleph, soggetto ricorrente nell’opera di Bagnoli. Dove Porta rende omaggio a Le Porte Regali di Florenskij: “Questi due mondi – il visibile e il non visibile – sono in contatto. Tuttavia la differenza tra loro è così grande che non può non nascere il problema del confine che li mette in contatto, che li distingue ma altresì unisce”.

BIOGRAFIA Marco Bagnoli, di formazione scientifica e una laurea in chimica, inizia l’attività artistica in giovane età. La prima mostra risale al 1975 da allora intensifica la sua produzione partecipando a numerose occasioni espositive del panorama artistico internazionale. Partecipa quattro volte alla Esposizione internazionale d'arte di Venezia (1982, 1986, 1997, 2009), due a Documenta di Kassel (Documenta VII nel 1982, a cura di Rudi Fuchs; Documenta IX nel 1992, a cura di Jan Hoet), oltre che a Sonsbeek, Arnhem (1986). Numerose istituzioni artistiche internazionali hanno organizzato sue mostre personali, tra cui De Appel, Amsterdam (1980, 1984); Centre d’Art Contemporain, Ginevra (1985); MAC Musée d'art contemporain, Lione (1987); Magasin, Centre National d’Art Contemporain, Grenoble (1991); Castello di Rivoli, Torino (1992); Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci, Prato (1995); IVAM, Centre del Carme, Valencia (2000); České Muzeum Výtvarných Umění, Praga (2009); MADRE Museo d’Arte Contemporanea, Donnaregina, Napoli (2015); Cermak Eisenkraft Pop Up Gallery, Praga (2021). Le sue opere sono state esposte alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma e al Centre Georges Pompidou di Parigi, altre sono entrate a far parte delle collezioni MAC Lyon dal 1987; Centro Pecci di Prato dal 1988; Castello di Rivoli dal 1992; Collezione Longo a Cassino dal 1994; Fattoria di Montellori a Fucecchio dal 2011; Garrison Art Center dal 2013 e Magazzino Italian Art dal 2017 a New York; Museo MADRE di Napoli dal 2016, GAM di Torino dal 2019. Dal 1976 ha installato opere permanenti a Bolognano, Pescara: nel centro storico, a Palazzo Durini e nella Piantagione Paradise, realizzata nell’ambito dell’operazione Difesa della Natura da Joseph Beuys. Dal 2007 Ascolta il flauto di canna (1985-2007) e Dacché sono io, entra (2007) sono nel parco di Villa La Magia a Quarrata. Dal 2010 Amore e Psiche (2010) è nel Parco Mediceo di Pratolino a Vaglia. Dal 2013 Immacolata concezione (2011) è installata all’interno della filiale di Chianti Banca in Piazza del Duomo, Firenze. Dal febbraio 2018 la fontana L’anello mancante alla catena che non c’è (1989-2017) è in piazza Ciardi, Prato. A giugno 2020 è stata reinstallata all’ingresso del Castello di Rivoli la fontana Cinquantasei nomi (1999-2000) e Come figura d'arciere (1993-2019) è nell’Aeroporto Leonardo da Vinci di Fiumicino. Nel 1981 Bagnoli inizia una serie di interventi in architetture del fiorentino dall’importante dimensione storica e spirituale: nella Villa Medicea La Ferdinanda, Artimino; nella Cappella Pazzi (1984); nella Sala Ottagonale della Fortezza da Basso (1989); l’Abbazia di San Miniato al Monte (1992, 1994, 2012, 2018/2019, 2020), il Forte di Belvedere (2003, 2017), il Giardino di Boboli (2013), la Stazione Leopolda (2014). Il 5 maggio 2017 Bagnoli inaugura a Montelupo Fiorentino L’Atelier, spazio multifunzionale concepito come un’opera d’arte totale (Gesamtkunstwerk) che accoglie un’esposizione permanente e in continua mutazione delle sue opere, a partire da quelle realizzate nel 1972. Nel 2018 Germano Celant cura e pubblica la monografia Marco Bagnoli, Skira, Milano, il cui saggio introduttivo ripercorre le tappe di sviluppo dell’artista e in cui compare un’esaustiva cronologia realizzata in collaborazione con Antonella Soldaini.

Milano, Corso Monforte 23 Dal lunedì al venerdì: 10 –19, sabato: 10 – 13 / 15 – 19 Per informazioni: Tel. 02 76393301 – info@galleriachristianstein.com

MARCO BAGNOLI Nel Paesaggio di Xvarnah [post_title] => MARCO BAGNOLI. Nel Paesaggio di Xvarnah | Galleria Christian Stein, Milano | Inaugurazione 10 febbraio, 2022 [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => marco-bagnoli-nel-paesaggio-di-xvarnah-galleria-christian-stein-milano-inaugurazione-10-febbraio-2022 [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2022-02-09 16:32:42 [post_modified_gmt] => 2022-02-09 15:32:42 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.radioartemobile.it/marco-bagnoli-nel-paesaggio-di-xvarnah-galleria-christian-stein-milano-inaugurazione-10-febbraio-2022/ [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [old_id] => 0 [post_it] => 0 ) ) [post_count] => 10 [current_post] => -1 [in_the_loop] => [post] => WP_Post Object ( [ID] => 19851 [post_author] => 2 [post_date] => 2022-06-14 12:49:08 [post_date_gmt] => 2022-06-14 10:49:08 [post_content] =>

IL GIARDINO LIBERNAUTICO - 14.06.2022

Fondazione Baruchello | Mostra curata da Elena Bellantoni

La mostra “Il giardino libernautico” Summer Show 2022 (sesta edizione), curata da Elena Bellantoni, in collaborazione con i due giovani curatori Benedetta Monti e Niccolò Giacomazzi, è un progetto collettivo che si svilupperà intorno a questioni che è sempre più urgente considerare: il rapporto con la natura, il paesaggio e la cura come azione responsabile nei confronti dell’ecosistema. Il progetto parte dal confronto diretto con la Fondazione Baruchello, e in particolare con il progetto Agricola Cornelia S.p.A. che impegnò Baruchello dal 1973 al 1981. In particolare guarda al libro di Baruchello Io sono un Albero, nel quale si racconta la lunga esperienza dell’artista nei confronti della natura da sempre intesa come una situazione complessa in grado di mettere in discussione comportamenti, costruzioni identitarie e rapporti di subordinazione tra diverse specie del vivente.
  https://culture.roma.it/manifestazione/summer-show-2022-il-giardino-libernautico/   [post_title] => IL GIARDINO LIBERNAUTICO - 14.06.2022 Fondazione Baruchello | Mostra curata da Elena Bellantoni [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => il-giardino-libernautico-14-06-2022-fondazione-baruchello-mostra-curata-da-elena-bellantoni [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2022-06-14 12:50:11 [post_modified_gmt] => 2022-06-14 10:50:11 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.radioartemobile.it/il-giardino-libernautico-14-06-2022-fondazione-baruchello-mostra-curata-da-elena-bellantoni/ [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [old_id] => 0 [post_it] => 0 ) [comment_count] => 0 [current_comment] => -1 [found_posts] => 52 [max_num_pages] => 6 [max_num_comment_pages] => 0 [is_single] => [is_preview] => [is_page] => [is_archive] => [is_date] => [is_year] => [is_month] => [is_day] => [is_time] => [is_author] => [is_category] => [is_tag] => [is_tax] => [is_search] => [is_feed] => [is_comment_feed] => [is_trackback] => [is_home] => 1 [is_privacy_policy] => [is_404] => [is_embed] => [is_paged] => [is_admin] => [is_attachment] => [is_singular] => [is_robots] => [is_favicon] => [is_posts_page] => [is_post_type_archive] => [query_vars_hash:WP_Query:private] => 024dd8a369da722f485dc127fa9be6e3 [query_vars_changed:WP_Query:private] => 1 [thumbnails_cached] => [stopwords:WP_Query:private] => [compat_fields:WP_Query:private] => Array ( [0] => query_vars_hash [1] => query_vars_changed ) [compat_methods:WP_Query:private] => Array ( [0] => init_query_flags [1] => parse_tax_query ) )