WP_Query Object ( [query] => Array ( ) [query_vars] => Array ( [error] => [m] => [p] => 0 [post_parent] => [subpost] => [subpost_id] => [attachment] => [attachment_id] => 0 [name] => [pagename] => [page_id] => 0 [second] => [minute] => [hour] => [day] => 0 [monthnum] => 0 [year] => 0 [w] => 0 [category_name] => [tag] => [cat] => [tag_id] => [author] => [author_name] => [feed] => [tb] => [paged] => 0 [meta_key] => [meta_value] => [preview] => [s] => [sentence] => [title] => [fields] => [menu_order] => [embed] => [category__in] => Array ( ) [category__not_in] => Array ( ) [category__and] => Array ( ) [post__in] => Array ( ) [post__not_in] => Array ( ) [post_name__in] => Array ( ) [tag__in] => Array ( ) [tag__not_in] => Array ( ) [tag__and] => Array ( ) [tag_slug__in] => Array ( ) [tag_slug__and] => Array ( ) [post_parent__in] => Array ( ) [post_parent__not_in] => Array ( ) [author__in] => Array ( ) [author__not_in] => Array ( ) [meta_query] => Array ( ) [ignore_sticky_posts] => [suppress_filters] => [cache_results] => 1 [update_post_term_cache] => 1 [lazy_load_term_meta] => 1 [update_post_meta_cache] => 1 [post_type] => [posts_per_page] => 10 [nopaging] => [comments_per_page] => 50 [no_found_rows] => [order] => DESC ) [tax_query] => WP_Tax_Query Object ( [queries] => Array ( ) [relation] => AND [table_aliases:protected] => Array ( ) [queried_terms] => Array ( ) [primary_table] => wp_posts [primary_id_column] => ID ) [meta_query] => WP_Meta_Query Object ( [queries] => Array ( ) [relation] => [meta_table] => [meta_id_column] => [primary_table] => [primary_id_column] => [table_aliases:protected] => Array ( ) [clauses:protected] => Array ( ) [has_or_relation:protected] => ) [date_query] => [queried_object] => [queried_object_id] => [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS wp_posts.ID FROM wp_posts JOIN wp_icl_translations wpml_translations ON wp_posts.ID = wpml_translations.element_id AND wpml_translations.element_type = CONCAT('post_', wp_posts.post_type) WHERE 1=1 AND wp_posts.post_type = 'post' AND (wp_posts.post_status = 'publish') AND ( ( ( wpml_translations.language_code = 'en' OR ( wpml_translations.language_code = 'it' AND wp_posts.post_type IN ( 'page' ) AND ( ( ( SELECT COUNT(element_id) FROM wp_icl_translations WHERE trid = wpml_translations.trid AND language_code = 'en' ) = 0 ) OR ( ( SELECT COUNT(element_id) FROM wp_icl_translations t2 JOIN wp_posts p ON p.id = t2.element_id WHERE t2.trid = wpml_translations.trid AND t2.language_code = 'en' AND ( p.post_status = 'publish' OR p.post_type='attachment' AND p.post_status = 'inherit' ) ) = 0 ) ) ) ) AND wp_posts.post_type IN ('post','page','attachment','wp_block','mc4wp-form','projects','events','sounds' ) ) OR wp_posts.post_type NOT IN ('post','page','attachment','wp_block','mc4wp-form','projects','events','sounds' ) ) ORDER BY wp_posts.post_date DESC LIMIT 0, 10 [posts] => Array ( [0] => WP_Post Object ( [ID] => 18953 [post_author] => 2 [post_date] => 2022-01-21 13:27:35 [post_date_gmt] => 2022-01-21 12:27:35 [post_content] => https://www.palazzoesposizioni.it/evento/francesco-cavaliere-xilema-di-sabbie-linfatiche-inseminano-creature-vitree-eidetiche sound performance XILEMA di sabbie linfatiche inseminano creature vitree eidetiche è un’azione sono-performativa orchestrata da Francesco Cavaliere con i suoi strumenti/sculture di vetro soffiato, voce ed elettronica. Corni e campane trasparenti sono corpi sonori che possono generare una musica che li anima come una linfa. Un’occasione per affacciarsi su un universo etereo e fluttuante, sospeso tra alchimia e science-fiction, che ricolloca il sapere sulla materia e la natura -dalla botanica alla cristallografia- in una dimensione poetica, che eccede un pensiero misurato. “XILEMA è un sistema vascolare che alimenta creature intangibili. Per adesso polverizzate. Onde posate su assi XY capaci di insanguinare la materia con il suono. Farla vivere intendo. Vivere e sgretolarsi, alvearsi. xilemi di uragani dentro a statue finte, bipedi, tripedi. I miei corni di vetro gocciolano i suoni di queste figure per adesso polverizzate. Da ora in poi..“   Francesco Cavaliere, artista visivo, scrittore e musicista nato a Piombino nel 1980 e cresciuto a Volterra, vive e lavora tra Berlino e Torino. Il suo lavoro si sviluppa in un’attività polimorfa che integra scrittura, suono, voce, disegno, scultura, che mirano nell’insieme a stimolare l’immaginazione, intraprendendo lunghi viaggi attraversati da presenze effimere. Scrive racconti sonori e composizioni musicali spesso integrati con elementi installativi e scenografici. Negli anni ha sviluppato un vero e proprio dizionario catalogando gli esseri metamorfici che abitano un suo universo astratto e fantastico: ibridi di oggetti, animali, piante, pianeti, tracce, oggetti cosmici e fenomeni fisici e percettivi generati dal vetro, dai minerali e da voci registrate e performate con tecnologie analogiche. “Sono uno scriba parlante… la mia voce è una nuvola, la mia penna sibila.” Dal 2011 ad oggi Francesco Cavaliere ha realizzato in ambito visivo e musicale una nutrita serie di performance, light and sound actions, concerti, opere radio e video-foniche, audio stories, readings, Augmented Reality stories. E’ in preparazione il nuovo progetto Corpi abissali, tra scultura, performance e suono. Il suo lavoro è stato presentato in musei, centri d'arte e festival internazionali tra cui: Triennale Teatro, FOG, Milano, LUFF Festival, Lausanne, Ambient Festival, Cologne, Live Arts Week, Xing, Bologna, GLUCK 50, Milano, Terraforma,Milano, RIBOCA1 Riga International Biennial, Riga, Issue Project Room, New York, Cafè Oto, Londra, Helicotrema Recorded Audio Festival, RAI radio 3, Milano, INFRA FESTIVAL, Tokyo, BOZAR, Bruxelles, 3HD Fest, HAU Habbel am Ufer, Berlin, Empty Gallery, Honk Kong, 7a Berlin Biennale, Les Urbaines Festival, Lausanne, Museum of Contemporary Art di Tokyo, Museo di Arte Contemporanea di Roskilde, Grimmuseum Berlin, CTM festival Berlin, Museo di Arte Contemporanea di Varsavia, QO2, Bruxelles, Kraak Ghent, ART Bruxelles, Sacro Bosco di Bomarzo. Tra le mostre personali in ambito visivo: Anubis vs Baboon (2019) Gluck 50, Milano, Soffio Che Scotta (2015), Marsèlleria, Milano, Lancio Meta Meteo (2014) Grimmuseum, Berlin. Mostre collettive: Raymond et des Palmes (2018), parte di Manifesta 12, Palermo, Green Music (2017) Yamamoto Gendai Gallery, Tokyo, The Glowing Glove (2014) Museum of Contemporary Art, Roskilde, Volta di Lame di Lune (2012), Liverpool Biennale. Francesco Cavaliere, anche noto come Francis Knight, ha pubblicato il doppio LP Gancio Cielo (Hundebiss records), per cui ha anche curato il progetto on-line Musica Virtuale, l'album Etrusca 3D (Discrepant), e su cassetta e digitale le creazioni sonore ENERGIA NUVOLA (Troglosound), Xylomania (CN), Doro Bengala (Presto!?), Alata Onda (Not On Label). In duo con Sea Urchin ha pubblicato gli album Yaqaza (Kraak rec), Tahtib (Bokeh versions), Natal Uranus (Commend see, RVNG), e in duo con Tomoko Sauvage Xylomania. Sono di prossima uscita gli LP Zoomachia Disc 1 (Fantom Dischi e Sussurra Luce), Popoli di Vetro (Xing >< Xong Collection), Viridescence (Marionette), Sijuaq il Chiurlo veggente (Poole music). Sono in preparazione i libri Gancio Cielo DNA CLEPSYDRA (NERO editions) e Anubis vs Baboon (saggistica Lombardelli Ed, Gluck 50). Ha collaborato con artisti visivi, musicisti e coreografe: Leila Hassan col duo Sea Urchin, Marcel Türkowsky, Elisabeth Kirche, Ignaz Schick, Ghédalia Tazartès, Invernomuto, Lievens Martens Moana/Dolphins Into The Future, Ruben Spini, Annamaria Ajmone, Spencer Clark, Tomoko Sauvage, Leonardo Pivi, Christopher Kline. francescocavaliere.bandcamp.com   Immagini: foto Francesco Cavaliere XILEMA, Inceneritori Sottili, 2021, courtesy the artist [post_title] => FRANCESCO CAVALIERE | XILEMA DI SABBIE LINFATICHE INSEMINANO CREATURE VITREE EIDETICHE - 21 gennaio 2022, 19:30 [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => francesco-cavaliere-xilema-di-sabbie-linfatiche-inseminano-creature-vitree-eidetiche-21-gennaio-2022-1930 [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2022-01-21 13:28:52 [post_modified_gmt] => 2022-01-21 12:28:52 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.radioartemobile.it/francesco-cavaliere-xilema-di-sabbie-linfatiche-inseminano-creature-vitree-eidetiche-21-gennaio-2022-1930/ [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [old_id] => 0 [post_it] => 0 ) [1] => WP_Post Object ( [ID] => 18932 [post_author] => 2 [post_date] => 2022-01-19 15:39:25 [post_date_gmt] => 2022-01-19 14:39:25 [post_content] =>

Palazzo Farnese - Roma Giovedì 27 gennaio, ore 18.30 “Con ogni vivente”: quale modello europeo per la biodiversità?

con Stefano Mancuso, Professore di etologia vegetale all’Università di Firenze e Presidente della nuova Fondazione per il futuro delle città, Bruno David, Presidente del Muséum d’Histoire naturelle di Parigi e Francesco Petretti, biologo, ornitologo, Presidente del Bioparco di Roma. Incontro in presenza, posti limitati ISCRIZIONE OBBLIGATORIA FINO AD ESAURIMENTO POSTI DISPONIBILI CLICCANDO QUI e in diretta streaming in italiano e in francese Le grandi sfide europee sulla biodiversità richiedono azioni concrete e impegni specifici per proteggere la natura e invertire il degrado degli ecosistemi. Quali sono le soluzioni messe in atto da Italia e Francia nel quadro della strategia europea per l’Orizzonte 2030 riguardo alla riforestazione, alla conservazione degli ambienti naturali e della biodiversità, all’agricoltura biologica e al taglio dei pesticidi? In che direzione deve muoversi l’Europa per ripensare il rapporto dell’uomo con l’ambiente naturale, e valorizzare la straordinaria varietà di ecosistemi e specie che ci circonda e le ricerche che si svolgono in luoghi di studio e di conservazione del vivente?

Con il sostegno di Edison e in partenariato Il Grand Continent, RaiRadio3 e il Corriere della Sera. Nell'ambito del nuovo ciclo di dibattiti “Tra Italia e Francia: una certa idea dell’Europa” in occasione della Presidenza francese del Consiglio dell’Unione europea Nell'ambito dei Dialoghi del Farnese e della Notte delle Idee. Stefano Mancuso Stefano Mancuso è Professore all’Università di Firenze. Direttore dell’International Laboratory for Plant Neurobiology (Firenze) e della rivista Plant signaling & Behavior. È il fondatore della neurobiologia vegetale, una disciplina che studia la segnalazione e la comunicazione nelle piante a tutti i livelli di organizzazione biologica, dalle singole molecole alle comunità ecologiche. È membro dell’Accademia dei Georgofili e dell’Accademia delle Arti e del Design di Firenze. Ha scritto numerosi libri sulla comunicazione e il comportamento delle piante come Sensibilità e intelligenza del mondo vegetale, Giunti, 2013, tradotto in oltre 20 lingue, Premio nazionale per la divulgazione scientifica 2015 o ancora Plant revolution. Le piante hanno già inventato il nostro futuro, Giunti, Milano, 2017 (trad. fr. La révolution des plantes, Albin Michel, 2019) e la Nazione delle piante, Laterza 2020 (trad. fr. Nous les plantes, Albin Michel, 2021). È stato appena nominato dal Presidente del Consiglio dei Ministri Direttore della nuova Fondazione per il futuro delle città. Bruno David Presidente del Muséum National d’Histoire Naturelle di Parigi, Bruno David è specialista di paleontologia. La sua ricerca si concentra sull’evoluzione biologica e la biodiversità (il modello “riccio di mare”). Specialista di evoluzione, ma anche biologo marino, ha partecipato a diverse grandi missioni oceanografiche con il sottomarino Nautile. Ha presieduto il consiglio scientifico dell’Istituto francese della biodiversità (IFB). A capo del Muséum di Parigi, uno dei suoi principali obiettivi è quello di far sentire la voce di questa istituzione nel dibattito pubblico, per esempio attraverso la creazione nel 2017 di un nuovo formato editoriale - i “Manifestes du Muséum”. Da settembre 2020 è anche produttore per France Culture (programma scientifico: «Le monde vivant» nel 2020-2021 e dal 2021 «Le Pourquoi du Comment» ). Bruno David ha scritto e co-scritto numerosi libri di riferimento, i più noti dei quali sono Paléobiosphère (con Patrick De Wever e D. Néraudeau, éd. Vuibert), Mondes marins: voyage insolite au cœur des océans (con, tra gli altri, Catherine Ozouf-Costaz e Marc Troussellier, Cherche midi), La biodiversité de crise en crise (con P. De Wever, Albin Michel) e Biodiversité de l'Océan Austral (con T. Saucède, ISTE). Il suo ultimo libro A l'aube de la 6e extinction: Comment habiter la Terre (Grasset, 2021) parla dello sgretolamento silenzioso della vita vegetale e animale. Francesco Petretti È il Presidente del Bioparco di Roma, il più antico giardino zoologico d’Italia e uno dei più rilevanti a livello internazionale per i programmi educativi e di tutela delle specie minacciate. Docente in biologia della conservazione all’Università di Perugia, Francesco Petretti è un biologo membro del Comitato scientifico del WWF. È autore e conduttore di programmi radiofonici e televisivi di scienza ed ecologia, come L’anello di re Salomone per Radio 2 Rai, la Pagina della scienza per Radio 3 Rai e Spazio Verde per Stream TV. Dal 1997 è esperto naturalista del programma Geo&Geo per Rai 3 ed è consulente scientifico di vari programmi televisivi (Quark, Passaggio a Nord Ovest, Explora). Negli ultimi anni, il suo impegno prevalente è per Wild Italy, serie da lui scritta e trasmessa dalla Rai che racconta, attraverso documentari realizzati in condizioni naturali, lo straordinario patrimonio naturale dell’Italia. Collabora con il periodico Io Donna (Corsera), è Direttore scientifico della rivista Oasis e ha scritto diversi libri a carattere divulgativo, fra cui Atlante della Natura in Italia (Pizzi), Enciclopedia degli animali da salvare (Rizzoli) e La natura in tasca (Mondadori). PROTOCOLLO COVID-19 Sono in atto le misure per il contrasto e il contenimento del coronavirus (mascherina, distanziamento, igienizzazione) Per accedere a Palazzo Farnese, è obbligatorio esibire il GREEN PASS. Vi ringraziamo in anticipo per la vostra collaborazione.

[post_title] => INVITO A PALAZZO FARNESE - “CON OGNI VIVENTE”: QUALE MODELLO EUROPEO PER LA BIODIVERSITÀ? CON STEFANO MANCUSO, BRUNO DAVID E FRANCESCO PETRETTI [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => invito-a-palazzo-farnese-con-ogni-vivente-quale-modello-europeo-per-la-biodiversita-con-stefano-mancuso-bruno-david-e-francesco-petretti [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2022-01-19 15:39:25 [post_modified_gmt] => 2022-01-19 14:39:25 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.radioartemobile.it/invito-a-palazzo-farnese-con-ogni-vivente-quale-modello-europeo-per-la-biodiversita-con-stefano-mancuso-bruno-david-e-francesco-petretti/ [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [old_id] => 0 [post_it] => 0 ) [2] => WP_Post Object ( [ID] => 18923 [post_author] => 2 [post_date] => 2022-01-18 13:12:13 [post_date_gmt] => 2022-01-18 12:12:13 [post_content] =>

JASON DODGE Cut a Door in the Wolf MUSEO MACRO, Roma

11 novembre 2021 – 16 marzo 2022

Cut a Door in the Wolf è una mostra dell’artista Jason Dodge (1969) concepita come un’unica grande opera site-specific. Dodge guarda alle cose di cui gli esseri umani si spogliano, giorno dopo giorno, esplorando così tutti quei sistemi che si compongono di materia organica e inorganica. I micro e macro paesaggi che si dispiegano nello spazio della sala sono fatti di oggetti familiari, spesso scartati, prodotti dalle nostre abitudini individuali e collettive, e suggeriscono l’idea che, effettivamente, possiamo trovare “tutto” in ogni cosa. Con la sua impronta gestuale, l’artista evita di affrontare nella sua opera un singolo soggetto e colloca lo spettatore al centro dell’azione interpretativa, affidandogli così un potere attivo e stimolandone la capacità di produrre nuovi significati.  

https://www.museomacro.it/it/solo-multi-it/jason-dodge-cut-a-door-in-the-wolf/
[post_title] => JASON DODGE Cut a Door in the Wolf | MACRO 11 novembre 2021 – 16 marzo 2022 [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => jason-dodge-cut-a-door-in-the-wolf-macro-11-novembre-2021-16-marzo-2022 [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2022-01-18 13:13:36 [post_modified_gmt] => 2022-01-18 12:13:36 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.radioartemobile.it/jason-dodge-cut-a-door-in-the-wolf-macro-11-novembre-2021-16-marzo-2022/ [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [old_id] => 0 [post_it] => 0 ) [3] => WP_Post Object ( [ID] => 18920 [post_author] => 2 [post_date] => 2022-01-18 13:07:02 [post_date_gmt] => 2022-01-18 12:07:02 [post_content] =>

Una storia nell’arte I Marchini tra impegno e passione Accademia Nazionale di San Luca, Roma

dal 18 gennaio al 22 aprile 2022
a cura di
Fabio Benzi, Arnaldo Colasanti, Flavia Matitti, Italo Tomassoni
Coordinamento di Gianni Dessì
Più di centotrenta opere dei massimi esponenti dell’arte moderna e contemporanea – da Pablo Picasso, Giorgio De Chirico, Giacomo Balla, a Georges Braque, Alberto Savinio, René Magritte, da Giorgio Morandi, Renato Guttuso, Jannis Kounellis, Enrico Castellani a Gino De Dominicis, Fabio Mauri, Shirin Neshat, solo per citarne alcuni – selezionate fra quelle che hanno accompagnato la vicenda storica e umana di Alvaro Marchini e della sua famiglia.
Ingresso gratuito solo su prenotazione
in portineria o via e-mail a: prenotazioni@accademiasanluca.it
 
[post_title] => Una storia nell’arte I Marchini tra impegno e passione, Accademia Nazionale di San Luca, 18 gennaio - 22 aprile 2022 [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => una-storia-nellarte-i-marchini-tra-impegno-e-passione-accademia-nazionale-di-san-luca-18-gennaio-22-aprile-2022 [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2022-01-18 13:07:02 [post_modified_gmt] => 2022-01-18 12:07:02 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.radioartemobile.it/una-storia-nellarte-i-marchini-tra-impegno-e-passione-accademia-nazionale-di-san-luca-18-gennaio-22-aprile-2022/ [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [old_id] => 0 [post_it] => 0 ) [4] => WP_Post Object ( [ID] => 18683 [post_author] => 2 [post_date] => 2021-11-22 12:58:44 [post_date_gmt] => 2021-11-22 11:58:44 [post_content] =>

Katinka Bock – Art Club #33, a cura di Pier Paolo Pancotto - Dal 26 novembre al 27 febbraio, Villa Medici, Roma

Inaugurazione giovedì 25 novembre 2021 alle 19.00 in presenza dell’artista Ingresso libero: prenotazione consigliata ma non obbligatoria a questo link https://www.villamedici.it/mostre/katinka-bock-art-club-33/  Già borsista dell’Accademia di Francia a Roma nel 2012-13, Katinka Bock torna ora con un progetto espositivo concepito appositamente per Villa Medici nell’ambito del ciclo d’arte contemporanea Art Club, curato da Pier Paolo Pancotto. Dal 25 novembre 2021 al 27 febbraio 2022, l’artista presenta due sculture in bronzo, Insomnie Amnesie, realizzate nel 2021 ed ospitate sotto la grande Loggia che si affaccia sui sette ettari di giardini della Villa. Luogo nevralgico della Villa, la Loggia accoglierà queste due opere inedite che rinnovano un linguaggio scultoreo pensato in relazione fisica e visiva con lo spazio occupato. La ricerca plastica di Katinka Bock si incentra sullo studio della materia, naturale o artificiale, e sui processi evolutivi a cui essa è soggetta nel momento in cui interagisce con la realtà circostante. Le forme che ne derivano sono il risultato di un processo lavorativo in cui il razionale e l’imprevisto interagiscono, assumendo caratteristiche ora più organiche ora più assimilabili ad un repertorio iconografico e iconologico insito nell’immaginario collettivo. Tali forme sono costituite di materiali diversi – metallo, pelle, legno, pietra, tessuto, gesso, argilla, ceramica, grafite – che, associati ad oggetti del quotidiano, danno luogo a installazioni che riflettono sulla temporalità, lo spazio, la storia e la natura, in un delicato equilibrio che lascia posto all’imprevisto e a future alterazioni.
Katinka Bock © Manuel Braun
Nata a Francoforte sul Meno (Germania), Katinka Bock si è laureata alla Kunsthochschule di Berlino e all’École nationale supérieuredes beaux-arts di Lione. Vive e lavora a Parigi. Nel 2012 riceve il 14° Premio della Fondazione Ricard e il Premio Dorothea von Stetten, diviene borsista a Villa Medici nel 2012-2013. Nel 2019, è nominata per il Premio Marcel Duchamp mentre nel 2021 è premiata con l’1% marché de l’art. Tra le realizzazioni più recenti, l’artista ha presentato la sua trilogiaespositiva Tomorrow’s sculpture al Kunstmuseum Winterthur in Svizzera, al MUDAM in Lussemburgo e allo IAC di Villeurbanne. Durante l’autunno del 2021, il suo lavoro è presentato in quattro esposizioni: Passierschein für die Zukunft, al Kunstmuseum Bonn in Germania; I-Infinito, Collezione Hausmaninger a Vienna; Segment with unknown radius, alla Galleria Cibrian di San Sebastian; Les Flammes, al Museo d’Arte Moderna di Parigi.   Katinka Bock é rappresentata dalle gallerie Jocelyn Wolff (Parigi), Meyer Riegger (Berlino), Greta Meert (Bruxelles) e 303 (New York).  
© Pier Paolo Pancotto
Pier Paolo Pancotto è curatore della Fondazione Nicola Del Roscio a Roma, e dal 2016 del programma espositivo Art Club a Villa Medici. In precedenza, ha curato il ciclo di mostre Fortezzuola, al Museo Pietro Canonica di Roma nel 2016-2018; oltre che progetti espositivi al Palais de Tokyo di Parigi; Estorick collection of Modern Italian Art, Londra; Galleria nazionale d’arte, Tirana; Lateral Art Space, Cluj; Galleria nazionale d’arte moderna, Roma; Museo H. C. Andersen, Roma; Museo Carlo Bilotti, Roma; Nomas Foundation, Roma; Casa Scatturin, Venezia. Tra le sue pubblicazioni: Artiste a Roma nella prima metà del ‘900 (2006); Arte contemporanea: dal minimalismo alle ultime tendenze (2010); Arte contemporanea. Il nuovo millennio (2013). Iniziata nel 2016 sotto la direzione curatoriale di Pier Paolo Pancotto, la serie Art Club presenta a Villa Medici il lavoro di artisti contemporanei internazionali, in uno spirito di apertura alle più svariate forme di creazione. Tra gli artisti esposti di recente: Mircea Cantor, Namsal Siedlecki, Achraf Touloub, Arcangelo Sassolino, Julius von Bismarck, Marinella Senatore, Lili Reynaud-Dewar, Cyprien Gaillard… [post_title] => Katinka Bock – Art Club #33, a cura di Pier Paolo Pancotto - Dal 26 novembre al 27 febbraio, Villa Medici, Roma [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => katinka-bock-art-club-33-a-cura-di-pier-paolo-pancotto-dal-26-novembre-al-27-febbraio-villa-medici-roma [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-11-22 13:00:01 [post_modified_gmt] => 2021-11-22 12:00:01 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.radioartemobile.it/katinka-bock-art-club-33-a-cura-di-pier-paolo-pancotto-dal-26-novembre-al-27-febbraio-villa-medici-roma/ [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [old_id] => 0 [post_it] => 0 ) [5] => WP_Post Object ( [ID] => 18412 [post_author] => 2 [post_date] => 2021-10-12 12:56:31 [post_date_gmt] => 2021-10-12 10:56:31 [post_content] =>

'LES RITALS' | GALLERIA CONTINUA - PARIS 19/10/2021 — 12/01/2022

CARLA ACCARDI, MAURIZIO CATTELAN, LUCIO FONTANA, FILIPPO TOMMASO MARINETTI, PIERO MANZONI, MICHELANGELO PISTOLETTO, ARMANDO TESTA

With the valuable collaboration of: Cittadellarte – Fondazione Pistoletto: Michelangelo Pistoletto, Fondazione Armando Testa, Fondazione Piero Manzoni, Hauser & Wirth: Piero Manzoni, Perrotin: Maurizio Cattelan, Tornabuoni Arte: Carla Accardi et Lucio Fontana

https://www.galleriacontinua.com/exhibitions/les-ritals-340 

[post_title] => 'LES RITALS' | Galleria Continua 19 Ottobre 2021 - CARLA ACCARDI, MAURIZIO CATTELAN, LUCIO FONTANA, FILIPPO TOMMASO MARINETTI, PIERO MANZONI, MICHELANGELO PISTOLETTO, ARMANDO TESTA [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => les-ritals-galleria-continua-19-ottobre-2021-carla-accardi-maurizio-cattelan-lucio-fontana-filippo-tommaso-marinetti-piero-manzoni-michelangelo-pistoletto-armando-testa [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-10-12 13:00:38 [post_modified_gmt] => 2021-10-12 11:00:38 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.radioartemobile.it/les-ritals-galleria-continua-19-ottobre-2021-carla-accardi-maurizio-cattelan-lucio-fontana-filippo-tommaso-marinetti-piero-manzoni-michelangelo-pistoletto-armando-testa/ [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [old_id] => 0 [post_it] => 0 ) [6] => WP_Post Object ( [ID] => 18199 [post_author] => 2 [post_date] => 2021-08-24 09:18:28 [post_date_gmt] => 2021-08-24 07:18:28 [post_content] =>

RAVE EAST VILLAGE ARTIST RESIDENCY 2021 LILIANA MORO EDIZIONE DEL DECENNALE

Liliana Moro. In onda Inaugurazione dell'opera Sabato 28 agosto ore 17.30 Il sabato del villaggio Tavola rotonda Sabato 28 agosto ore 18.30
con la partecipazione di:
Liliana Moro, Anna Bálványos, curatrice Ludwig Museum of Contemporary Art, Budapest, Cecilia Casorati, critica e curatrice, direttrice dell'Accademia di Belle Arti di Roma, Daniele Capra, curatore indipendente e critico, Giuliana Carbi, storica dell’arte e direttrice di Trieste Contemporanea, Fabio Cherstich, regista, Andrea Colla, zoologo Museo di Storia Naturale di Trieste, Eva Comuzzi, curatrice indipendente e critica, Giovanna Felluga, AtemporaryStudio, curatrice e direttrice artistica Vigne Museum, Lara Gaeta, curatrice e direttrice artistica aA29 Project Room, Giovanni Leghissa, filosofo, professore di filosofia all’Università di Torino, Tiziana Pers, artista e co-fondatrice RAVE, Claudio Libero Pisano, curatore e docente Accademia di Belle Arti di Roma, Donatella Saroli, curatrice MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo, Gabi Scardi, critica e curatrice indipendente. Soleschiano, Manzano (Ud)

Nell’anno in cui ricorre il decennnale di RAVE East Village Artist Residency – meta progetto che coniuga l’arte contemporanea con l’esigenza di guardare verso una prospettiva biocentrica e antispecista – una presenza d’eccezione ne è protagonista: invitata quest’anno a interpretare lo spirito di RAVE è la grande artista Liliana Moro, partecipante al Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2019, e a numerose mostre in prestigiosi musei e istituzioni, tra cui Castello di Rivoli, MAXXI, Galleria Nazionale di Roma, PS1 New York, Palazzo Grassi, Triennale di Milano, MoCA Shanghai, Moderna Museet di Stoccolma.

Sabato 28 agosto alle ore 17.30, nella splendida cornice del borgo storico di Soleschiano (Ud), verrà presentato il progetto di Moro In onda, realizzato durante la sua partecipazione a RAVE, dove l’artista ha potuto condividere spazio e tempo con gli animali salvati dal macello e gli alberi salvati dall'abbattimento. Moro è stata infatti invitata a realizzare un nuovo progetto concepito in interazione con il territorio e con i temi della residenza friulana, ideata dalle artiste Isabella e Tiziana Pers, che dal 2011 si occupa di aprire riflessioni e ricerche sulle connessioni e gli equilibri con le altre specie e gli ecosistemi, per ripensare nuove modalità di coesistenza che si contrappongono al dominio antropocentrico.

Moro ha lavorato su ciò che non è percepibile dai sensi umani e, in quanto tale, spesso rimosso dalle nostre consapevolezze quotidiane. Nello specifico ha volto il suo sguardo verso il fondo del mare, quella parte più recondita e lontana dalla superficie: da un lato il desiderio di ascoltare l’abisso, dall’altro la vita che si palesa nella molteplicità delle sue forme, anche le più piccole e delicate. Se l’unica possibilità di salvezza necessita di cominciare a ripensarci come specie, la vera rivoluzione può consistere nel fermarsi, e immergerci nel luogo del liminale, dentro e fuori noi stessi. Così, sulla sottile soglia che ci separa dal mostruosamente altro, di fronte a una luce differente, potremmo infine socchiudere gli occhi e restare, per una volta, in ascolto.

L’opera è stata realizzata in collaborazione con Tommaso Previdi e Beatrice Volpi (sound editing Matteo Sandri). Un particolare ringraziamento all'Area Marina Protetta di Miramare WWF Riserva della Biosfera di Miramare per la preziosa collaborazione e la generosa disponibilità.

Seguirà alle ore 18.30 la tavola rotonda interdisciplinare Il sabato del villaggio, a partire da riflessioni, suggestioni e quesiti sollevati dall’opera della Moro. Oltre all'artista, tra i partecipanti al dialogo vi saranno: Anna Bálványos, curatrice Ludwig Museum of Contemporary Art, Budapest, Cecilia Casorati, critica e curatrice, direttrice dell'Accademia di Belle Arti di Roma, Daniele Capra, curatore indipendente e critico, Giuliana Carbi, storica dell’arte e direttrice di Trieste Contemporanea, Fabio Cherstich, regista, Andrea Colla, zoologo Museo di Storia Naturale di Trieste, Eva Comuzzi, curatrice indipendente e critica, Giovanna Felluga, AtemporaryStudio, curatrice e direttrice artistica Vigne Museum, Lara Gaeta, curatrice e direttrice artistica aA29 Project Room, Giovanni Leghissa, filosofo, professore di filosofia all’Università di Torino, Tiziana Pers, artista e co-fondatrice RAVE, Claudio Libero Pisano, curatore e docente Accademia di Belle Arti di Roma, Donatella Saroli, curatrice MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo, Gabi Scardi, critica e curatrice indipendente.

Gli eventi sono a ingresso libero e soggetto alle norme vigenti in merito all’emergenza sanitaria.

Liliana Moro nasce nel 1961 a Milano, dove vive e lavora. Diplomata all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano, nel 1989 fonda, insieme ad altri artisti, lo Spazio di Via Lazzaro Palazzi a Milano che resterà attivo fino al 1993. Ha esposto in importanti mostre collettive quali Documenta IX, Kassel (D); 45. Biennale d’Arte, Venezia, Venezia; Castello di Rivoli, Rivoli; Quadriennale, Roma; Moderna Museet, Stoccolma (SE); PS1, New York (USA); De Appel, Amsterdam (NL); Palazzo Grassi, Venezia; Mart, Rovereto; Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Roma; MAXXI, Roma; Triennale, Milano; 58. Biennale d’Arte, Padiglione Italia, Venezia. Ha tenuto personali presso Galleria Emi Fontana, Milano; MUHKA, Anversa (B); Istituto Italiano di Cultura, Los Angeles (USA); Fondazione Ratti, Como; Fondazione Zegna, Trivero; Cubo Garutti, Museion, Bolzano; Galleria Francesco Pantaleone, Palermo e Milano, Galleria de’ Foscherari, Bologna.

Incontrando i lavori di dell’artista si ha la percezione che sia presente solo ciò che è strettamente necessario. Suono, parole, sculture, oggetti e performance, compongono un mondo che mette in scen” una realtà, allo stesso tempo, cruda e poetica. Sono territori di un’esperienza individuale (quella dell’artista, ma soprattutto dello spettatore) che invitano a andare oltre ciò che è visibile. La riduzione all’essenziale intesa come attitudine, pratica e posizione, non è il risultato di una ripresa del linguaggio minimale, si tratta piuttosto di una modalità che l’artista mette in atto sia quando sceglie di impiegare tecniche elaborate, sia quando sceglie di utilizzare materiali esistenti o oggetti d’uso comune. La libertà di azione è un aspetto importante del lavoro ma lo definisce solo in parte: ciò che produce lo scarto interessante è la relazione tra l’universo delle possibilità e la tensione a più livelli – fisica e poetica – generata da questa relazione.

RAVE è un meta-progetto partecipativo che apre la discussione sul ruolo dell'arte contemporanea nei confronti dell'alterità animale e sulla necessità di ripensarsi in una prospettiva biocentrica, dove ogni vita è interconnessa, dalla più imponente alla più minuta. Negli ultimi dieci anni tutti i più importanti indicatori delle componenti del sistema climatico (atmosfera, oceani, ghiacci) sono cambiati a una velocità mai osservata negli ultimi secoli e millenni, e più di un migliaio di miliardi di animali sono stati fatti nascere in prigionia ed uccisi, in un ininterrotto esercizio di dominio che è tra le maggiori cause di deforestazione e di cambiamento climatico. Nello stesso decennio dal 2011 RAVE affronta la complessità delle relazioni con il resto di viventi, la necessità di un mutamento di paradigma mediante una coscienza antispecista che comprenda il vegetarismo come forma per esistere insieme, per comprendere l’alito inascoltato di una pluralità interconnessa, sopra e sotto la terra, e in ogni dove.

RAVE è realizzato con il supporto della Regione Friuli Venezia Giulia, in collaborazione con Comune di Trivignano Udinese, Comune di Manzano, Associazione Culturale L’Officina, ALL/Università degli Studi di Udine, Musiz Foundation, Trieste Contemporanea. Main partner Vulcano Agency. Si ringrazia l'Agriturismo Al Rol dei Conti di Maniago.

Liliana Moro. In onda

Sabato 28 agosto ore 17.30

Il sabato del villaggio. Tavola rotonda

Sabato 28 agosto ore 18.30

Via Giulia Piccoli

Soleschiano, Manzano (Ud)

Indicazioni stradali

Installazione visitabile sabato 28 agosto h 17.30/21.00 e domenica 29 agosto h 11.00/13.00-16.00/21.00

Gli eventi sono a ingresso libero e soggetto alle norme vigenti in merito all’emergenza sanitaria

info@raveresidency.com

www.raveresidency.com

+39.324.8628511

+39.348.7450871

[post_title] => Decennale RAVE 2021: inaugurazione dell'opera di Liliana Moro IN ONDA e tavola rotonda / 28 agosto [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => decennale-rave-2021-inaugurazione-dellopera-di-liliana-moro-in-onda-e-tavola-rotonda-28-agosto [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-08-24 09:18:28 [post_modified_gmt] => 2021-08-24 07:18:28 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.radioartemobile.it/decennale-rave-2021-inaugurazione-dellopera-di-liliana-moro-in-onda-e-tavola-rotonda-28-agosto/ [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [old_id] => 0 [post_it] => 0 ) [7] => WP_Post Object ( [ID] => 18166 [post_author] => 2 [post_date] => 2021-08-19 11:31:17 [post_date_gmt] => 2021-08-19 09:31:17 [post_content] =>

Honoré d’O for PASS 2021

https://www.pass2021.be/honor-do

honoredo.be instagram: Honore_do

Delinquent DLQ825 —- Solidarity project by Honoré d’O for PASS2021

Visitors are invited to drive the artist's car during the exhibition. A visitor can pick up the car key at the PASS2021 reception, Huiseplein, opposite the church in Huise. He/she can travel unlimited kilometers. 1 guest/passenger is allowed. Drive calmly, drive safely. Refuel, if necessary or out of sportsmanship. Use the yellow logbook, write down the date and mileage, leave your email address, take notes. We live in a amazing world that permanently and abundantly expresses its miraculous nature. The participants are asked to share as many photos and videos of their trip as possible.

On 11/08/2021 my Renault Kangoo DLQ825 had driven 495,776 km. It is now aiming for 500,000 km!!!!!, with the help of the public!!!!! Astonishing observation: the circumference of the earth is 40000 km, if DLQ825 reaches the glorious goal of  500,000 km, it will have circled the earth 12.5 times. 12.5 x around the world!!!!!!!!!!!!. Imagine.

Delinquent DLQ825 is a solidarity project in the landcape of a global responsability.

Gent, 11/08/2021, Honoré δ'O

  [post_title] => Honoré d’O for PASS 2021 [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => honore-do-for-pass-2021 [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-08-19 11:32:05 [post_modified_gmt] => 2021-08-19 09:32:05 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.radioartemobile.it/honore-do-for-pass-2021/ [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [old_id] => 0 [post_it] => 0 ) [8] => WP_Post Object ( [ID] => 18056 [post_author] => 2 [post_date] => 2021-07-21 16:18:24 [post_date_gmt] => 2021-07-21 14:18:24 [post_content] =>

RE-CREATURES seconda apparizione, appuntamenti dal 22 al 26 luglio - Mattatoio

 

Il 22 luglio alle 21.30 sarà proiettato Temple du presént. Solo for an octopus di Stefan Kaegi (Rimini Protokoll) con Judith Zagury e Nathalie Küttel, realizzato con la collaborazione del collettivo Shanjulab. Il progetto esplora la relazione con un polpo, animale dotato di una misteriosa, atavica intelligenza ed empatia, fino a rovesciare sorprendentemente il punto di vista tra chi è osservato e chi osserva. Alla proiezione seguirà un incontro di approfondimento in cui Nathalie Küttel dialogherà con Ilaria Mancia, rispondendo a domande e curiosità del pubblico.

 

Il 23 luglio alle 19.30 Matteo Meschiari, antropologo e scrittore, parlerà del ruolo degli animali nell’Antropocene: tra collasso dell'ecosistema e necessità di reimmaginare il nostro rapporto con loro.

 

Il 24 luglio alle 21.30 Marco Torrice - coreografo e performer - presenterà Melting Pot, progetto ispirato a una pratica della danza in continua evoluzione, che ne fa luogo d’incontro, dispositivo immersivo e ibrido che combina diverse pratiche performative.

 

Il 25 e il 26 luglio alle 20.30 Simone Aughterlony – coreografa e artista di fama internazionale, per la prima volta a Roma - condurrà il pubblico all’interno di un’insolita storia d’amore tra molti. Biofiction, messo in scena con Hahn Rowe, crea un nuovo terreno per la narrazione di una sessualità che ancora non esiste, incuriosendo e sfidando le convenzioni o le identificazioni.

 

Il 26 luglio, dalle 21.30 Simone Aughterlony dialogherà con Ilenia Caleo, performer, attivista e ricercatrice indipendente, parlando, a partire da Biofiction, dell’attivazione di esperienze e immaginazioni, di corporeità e materie agenti, in complicità con le tracce aperte dal pensiero transfemminista, neomaterialista, da Barad a Bennett.

 

La popolazione animale Intrude, di Amanda Parer, e l'opera things that make the heart beat faster di Tim Etchells sono visibili negli spazi esterni del Mattatoio fino al 6 agosto.

 

Negli spazi della Pelanda sono ancora visibili fino al 22 agosto le tre video installazioni: Human Mask di Pierre Huyghe, Ciacco di Valentina Furian, The Odds (part 1) di Revital Cohen e Tuur Van Balen.

 

Scarica il calendario degli eventi fino al 30 luglio.

 

L’ingresso agli eventi live è gratuito su prenotazione su www.mattatoioroma.it

La prenotazione è valida fino a 15 minuti prima dell’inizio dello spettacolo, dopodiché sarà possibile accedere fino ad esaurimento posti.

L’ingresso alle video installazioni è gratuito e contingentato nel rispetto delle norme previste dall’emergenza sanitaria.

[post_title] => RE-CREATURES seconda apparizione, appuntamenti dal 22 al 26 luglio - Mattatoio [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => re-creatures-seconda-apparizione-appuntamenti-dal-22-al-26-luglio-mattatoio [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-07-21 16:21:04 [post_modified_gmt] => 2021-07-21 14:21:04 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.radioartemobile.it/re-creatures-seconda-apparizione-appuntamenti-dal-22-al-26-luglio-mattatoio/ [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [old_id] => 0 [post_it] => 0 ) [9] => WP_Post Object ( [ID] => 17937 [post_author] => 2 [post_date] => 2021-06-28 11:02:16 [post_date_gmt] => 2021-06-28 09:02:16 [post_content] =>
EVIDENCE OF CONTEMPORARY PAPERS a cura di Davide Di Maggio | 1 Luglio - 23 Luglio Fondazione Mudima, Milano
https://www.mudima.net/la-fondazione/ [post_title] => EVIDENCE OF CONTEMPORARY PAPERS a cura di Davide Di Maggio | 1 Luglio - 23 Luglio Fondazione Mudima, Milano [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => evidence-of-contemporary-papers-a-cura-di-davide-di-maggio-1-luglio-23-luglio-fondazione-mudima-milano [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-07-11 13:48:21 [post_modified_gmt] => 2021-07-11 11:48:21 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.radioartemobile.it/evidence-of-contemporary-papers-a-cura-di-davide-di-maggio-1-luglio-23-luglio-fondazione-mudima-milano/ [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [old_id] => 0 [post_it] => 0 ) ) [post_count] => 10 [current_post] => -1 [in_the_loop] => [post] => WP_Post Object ( [ID] => 18953 [post_author] => 2 [post_date] => 2022-01-21 13:27:35 [post_date_gmt] => 2022-01-21 12:27:35 [post_content] => https://www.palazzoesposizioni.it/evento/francesco-cavaliere-xilema-di-sabbie-linfatiche-inseminano-creature-vitree-eidetiche sound performance XILEMA di sabbie linfatiche inseminano creature vitree eidetiche è un’azione sono-performativa orchestrata da Francesco Cavaliere con i suoi strumenti/sculture di vetro soffiato, voce ed elettronica. Corni e campane trasparenti sono corpi sonori che possono generare una musica che li anima come una linfa. Un’occasione per affacciarsi su un universo etereo e fluttuante, sospeso tra alchimia e science-fiction, che ricolloca il sapere sulla materia e la natura -dalla botanica alla cristallografia- in una dimensione poetica, che eccede un pensiero misurato. “XILEMA è un sistema vascolare che alimenta creature intangibili. Per adesso polverizzate. Onde posate su assi XY capaci di insanguinare la materia con il suono. Farla vivere intendo. Vivere e sgretolarsi, alvearsi. xilemi di uragani dentro a statue finte, bipedi, tripedi. I miei corni di vetro gocciolano i suoni di queste figure per adesso polverizzate. Da ora in poi..“   Francesco Cavaliere, artista visivo, scrittore e musicista nato a Piombino nel 1980 e cresciuto a Volterra, vive e lavora tra Berlino e Torino. Il suo lavoro si sviluppa in un’attività polimorfa che integra scrittura, suono, voce, disegno, scultura, che mirano nell’insieme a stimolare l’immaginazione, intraprendendo lunghi viaggi attraversati da presenze effimere. Scrive racconti sonori e composizioni musicali spesso integrati con elementi installativi e scenografici. Negli anni ha sviluppato un vero e proprio dizionario catalogando gli esseri metamorfici che abitano un suo universo astratto e fantastico: ibridi di oggetti, animali, piante, pianeti, tracce, oggetti cosmici e fenomeni fisici e percettivi generati dal vetro, dai minerali e da voci registrate e performate con tecnologie analogiche. “Sono uno scriba parlante… la mia voce è una nuvola, la mia penna sibila.” Dal 2011 ad oggi Francesco Cavaliere ha realizzato in ambito visivo e musicale una nutrita serie di performance, light and sound actions, concerti, opere radio e video-foniche, audio stories, readings, Augmented Reality stories. E’ in preparazione il nuovo progetto Corpi abissali, tra scultura, performance e suono. Il suo lavoro è stato presentato in musei, centri d'arte e festival internazionali tra cui: Triennale Teatro, FOG, Milano, LUFF Festival, Lausanne, Ambient Festival, Cologne, Live Arts Week, Xing, Bologna, GLUCK 50, Milano, Terraforma,Milano, RIBOCA1 Riga International Biennial, Riga, Issue Project Room, New York, Cafè Oto, Londra, Helicotrema Recorded Audio Festival, RAI radio 3, Milano, INFRA FESTIVAL, Tokyo, BOZAR, Bruxelles, 3HD Fest, HAU Habbel am Ufer, Berlin, Empty Gallery, Honk Kong, 7a Berlin Biennale, Les Urbaines Festival, Lausanne, Museum of Contemporary Art di Tokyo, Museo di Arte Contemporanea di Roskilde, Grimmuseum Berlin, CTM festival Berlin, Museo di Arte Contemporanea di Varsavia, QO2, Bruxelles, Kraak Ghent, ART Bruxelles, Sacro Bosco di Bomarzo. Tra le mostre personali in ambito visivo: Anubis vs Baboon (2019) Gluck 50, Milano, Soffio Che Scotta (2015), Marsèlleria, Milano, Lancio Meta Meteo (2014) Grimmuseum, Berlin. Mostre collettive: Raymond et des Palmes (2018), parte di Manifesta 12, Palermo, Green Music (2017) Yamamoto Gendai Gallery, Tokyo, The Glowing Glove (2014) Museum of Contemporary Art, Roskilde, Volta di Lame di Lune (2012), Liverpool Biennale. Francesco Cavaliere, anche noto come Francis Knight, ha pubblicato il doppio LP Gancio Cielo (Hundebiss records), per cui ha anche curato il progetto on-line Musica Virtuale, l'album Etrusca 3D (Discrepant), e su cassetta e digitale le creazioni sonore ENERGIA NUVOLA (Troglosound), Xylomania (CN), Doro Bengala (Presto!?), Alata Onda (Not On Label). In duo con Sea Urchin ha pubblicato gli album Yaqaza (Kraak rec), Tahtib (Bokeh versions), Natal Uranus (Commend see, RVNG), e in duo con Tomoko Sauvage Xylomania. Sono di prossima uscita gli LP Zoomachia Disc 1 (Fantom Dischi e Sussurra Luce), Popoli di Vetro (Xing >< Xong Collection), Viridescence (Marionette), Sijuaq il Chiurlo veggente (Poole music). Sono in preparazione i libri Gancio Cielo DNA CLEPSYDRA (NERO editions) e Anubis vs Baboon (saggistica Lombardelli Ed, Gluck 50). Ha collaborato con artisti visivi, musicisti e coreografe: Leila Hassan col duo Sea Urchin, Marcel Türkowsky, Elisabeth Kirche, Ignaz Schick, Ghédalia Tazartès, Invernomuto, Lievens Martens Moana/Dolphins Into The Future, Ruben Spini, Annamaria Ajmone, Spencer Clark, Tomoko Sauvage, Leonardo Pivi, Christopher Kline. francescocavaliere.bandcamp.com   Immagini: foto Francesco Cavaliere XILEMA, Inceneritori Sottili, 2021, courtesy the artist [post_title] => FRANCESCO CAVALIERE | XILEMA DI SABBIE LINFATICHE INSEMINANO CREATURE VITREE EIDETICHE - 21 gennaio 2022, 19:30 [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => francesco-cavaliere-xilema-di-sabbie-linfatiche-inseminano-creature-vitree-eidetiche-21-gennaio-2022-1930 [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2022-01-21 13:28:52 [post_modified_gmt] => 2022-01-21 12:28:52 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.radioartemobile.it/francesco-cavaliere-xilema-di-sabbie-linfatiche-inseminano-creature-vitree-eidetiche-21-gennaio-2022-1930/ [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [old_id] => 0 [post_it] => 0 ) [comment_count] => 0 [current_comment] => -1 [found_posts] => 37 [max_num_pages] => 4 [max_num_comment_pages] => 0 [is_single] => [is_preview] => [is_page] => [is_archive] => [is_date] => [is_year] => [is_month] => [is_day] => [is_time] => [is_author] => [is_category] => [is_tag] => [is_tax] => [is_search] => [is_feed] => [is_comment_feed] => [is_trackback] => [is_home] => 1 [is_privacy_policy] => [is_404] => [is_embed] => [is_paged] => [is_admin] => [is_attachment] => [is_singular] => [is_robots] => [is_favicon] => [is_posts_page] => [is_post_type_archive] => [query_vars_hash:WP_Query:private] => 024dd8a369da722f485dc127fa9be6e3 [query_vars_changed:WP_Query:private] => 1 [thumbnails_cached] => [stopwords:WP_Query:private] => [compat_fields:WP_Query:private] => Array ( [0] => query_vars_hash [1] => query_vars_changed ) [compat_methods:WP_Query:private] => Array ( [0] => init_query_flags [1] => parse_tax_query ) )