Titolo:

Il Terzo Paradiso – Milano

Video:
Manifesto:
Data:
08/02/2007 - 19/05/2007
Immagini:
Descrizione:

RAM radioartemobile prosegue con Suono e Forma nel suo progetto di connessione tra arte visiva e musica.

L’8 febbraio 2007, nello spazio bunKerart, Via Bellezza 8 Milano, RAM presenta Il Terzo Paradiso, ideato da Michelangelo Pistoletto.

Il lavoro proposto in questa mostra nasce dalla collaborazione artistica tra Gianna Nannini e Michelangelo Pistoletto, esponenti l’una del mondo della musica, l’altro di quello delle arti visive, che fondono due discipline e due linguaggi diversi.

L’installazione comprende l’Orchestra di stracci di Michelangelo Pistoletto e la “scultura vocale” di Gianna Nannini Mamma. Le due opere si avviluppano, si mescolano, si abbracciano, svolgendosi in sintonia e condivisione di pensiero. L’ Orchestra di stracci, che trova come antecedenti le opere analoghe realizzate da Pistoletto negli anni Sessanta, disegna il nuovo segno di infinito, simbolo del Terzo Paradiso.

Il nuovo segno di infinito incrocia la linea due volte, disegnando tre cerchi. Quello centrale descrive un ventre gravido, prodotto dall’accoppiamento dei due cerchi che costituivano il vecchio simbolo. Questo ventre rappresenta la generazione del Terzo Paradiso”. (M. Pistoletto).

I due cerchi esterni rappresentano la Natura e l’Artificio; due poli contrastanti, che uniti fecondano il Terzo Paradiso. Questo ultimo è l’espressione della convivenza sostenibile tra la sfera naturale e quella artificiale. Il cerchio centrale è il ventre materno di un nuovo pensiero, che conduce l’umanità alla sopravvivenza.

Il centro del nuovo segno di infinito è il punto idealmente attraversato dal cordone ombelicale che unisce le generazioni passate, presenti e future.

Lungo le superfici specchianti d’alluminio che circondano lo spazio corre l’intervento sonoro di Gianna Nannini, che usando la voce come unico strumento, ha creato una “scultura vocale”, una modalità di spazializzazione del suono/voce, che determina, definisce e plasma lo spazio stesso. La “scultura vocale” di Gianna Nannini consente al fruitore di vivere un’immersione totale nella voce in modo emozionale. La scelta dell’alluminio, materiale voluto da Michelangelo Pistoletto per rappresentare al meglio il concetto di Terzo Paradiso perché altamente tecnologico e al tempo stesso eco-compatibile in quanto riciclabile all’infinito, rientra nella collaborazione consolidata fra Cittadellarte-Fondazione Pistoletto e il CiAl, Consorzio Nazionale per il Recupero e il Riciclo dell’Alluminio.

Il lungo assolo della voce della Nannini, con il suo timbro vocale carico di armonici, si unisce all’effetto sonoro prodotto dai bollitori fumanti, attivi all’interno dell’Orchestra di stracci. Il vapore, a contatto con il vetro sovrastante, si condensa in gocce di pioggia che bagnano gli stracci, producendo anche un effetto olfattivo.

Il Terzo Paradiso realizzato nello spazio bunKerart è il frutto di una collaborazione artistica che attraverso l’estetica della relazione si fa portatrice di un messaggio di responsabilità e cambiamento. La musica di Gianna Nannini diventa veicolo di comunicazione per tradurre in mito il concetto espresso nel Terzo Paradiso di Pistoletto.

Si ringraziano: CARB i vini della Certosa; Livio Felluga