Titolo:

CORPI SEMPLICI II – FELICE LEVINI

Manifesto:
Artisti:
Data:
12/07/2016 - 31/07/2016
Descrizione:

FELICE LEVINI
CORPI SEMPLICI II
Non si può dedurre dalla calma delle nostre parti la tranquilla monotonia dell’universo”
(L.A. Blanqui)

A cura di Anna Cestelli Guidi
in collaborazione con RAM radioartemobile
AuditoriumArte

Undicesimo appuntamento del progetto One Space / One Sound

Non si può dedurre dalla calma delle nostre parti la tranquilla monotonia dell’universo”
(L.A. Blanqui)

Con questo titolo si inaugura, martedì 12 luglio alle ore 19.00, presso lo spazio espositivo dell’Auditorium Parco della Musica, un progetto di Felice Levini che prevede installazioni di immagini e suoni.

Nei due ambienti dello spazio espositivo si potrà assistere a due momenti. La prima sala è “a giorno”: dai megafoni si potranno ascoltare fusioni di brani musicali, suoni, discorsi, testi poetici, ecc. ecc. dove circolarità e caos si inseguono. E’ il luogo dello scacchiere, del politico, della strategia, della storia, e della sua stessa fine, tramonto occidentale, ultimo urlo, atto eroico di una inevitabile fine, babele di democrazie…

Nell’altra stanza, il ricordo di ciò che è stato, il suo riflesso, come quando vediamo la luce delle stelle morte. Tutto sembra già detto, già scritto: nell’arte non è la novità la molla, ma rivivere le stesse cose, la stessa natura, l’uomo, con altre angolazioni, altri punti di vista. E’ nel problema che si pone l’essenza della cosa, non nella sua risoluzione. Il tempo è segnato dagli eventi naturali: le stagioni, i mesi dell’anno, il movimento dei pianeti, del cosmo, il dono degli Dei, la pietà dei Santi, quasi che non si potesse accettare il mondo se non grazie alla mediazione di mani umane.

Si ringrazia: Sauro Radicchi Allestimenti, Karolina Lusikova, Enrica Petrarulo della galleria La Nuova Pesa

One Space/One Sound è un progetto espositivo periodico sull’arte del suono concepito da Fondazione Musica per Roma per lo spazio AuditoriumArte. Il progetto è rivolto a installazioni che hanno il suono come loro componente fondamentale, sia per la relazione con lo spazio che per la relazione con l’immagine visiva, scavalcando così la separazione tradizionale, oramai obsoleta, tra discipline artistiche diverse. Tratto comune di quest’arte del suono è proprio l’intrinseca relazione tra suono, l’esperienza visiva e la percezione architettonico/spaziale.

Info 06-80241281
www.auditorium.com
Ufficio stampa Musica per Roma tel. 06-80241574 – 231 – 228 – 583 – 244
ufficiostampa@musicaperroma.it